contatori Denunciati due calciatori dell’Inter dopo una lite in discoteca: “Costretto a dire Milan m***a” | Napoli Daily
Notizie

Denunciati due calciatori dell’Inter dopo una lite in discoteca: “Costretto a dire Milan m***a”

Condividi l'articolo sui social

Di seguito quanto riportato da Il Fatto Quotidiano

Due calciatori dell’Inter sono stati denunciati da un ragazzo friulano, che li accusa di averlo minacciato durante una serata al locale Hollywood di Milano lo scorso 6 gennaio. A riportare la denuncia è Il Corriere del Veneto, che – usando il condizionale – fa anche il nome di uno dei giocatori coinvolti: Marko Arnautovic. Per ora però nulla è stato confermato dalla Procura di Milano, che ha in mano la denuncia del giovane.

Secondo la ricostruzione del quotidiano, che riporta la versione del denunciante, i giocatori si sono innervositi perché hanno avuto il sospetto di essere stati fotografati e filmati mentre si trovavano all’interno del noto locale di Corso Como. Quella notte era stata organizzata una festa privata, a cui erano presenti alcuni calciatori di Serie A. Seconda la versione del giovane friulano, assistito dagli avvocati Francesca e Stefano Tutino, i due giocatori lo hanno tenuto per un braccio e costretto a uscire dal locale. Poi gli hanno preso il cellulare per verificare che non avesse fatto foto o video dei calciatori presenti alla serata. Infine, sempre secondo il racconto del denunciante, i due giocatori dell’Inter gli hanno chiesto di dire “Milan m***a” prima di andarsene.

“Trovandosi in evidente difficoltà anche numerica, il nostro assistito non ha opposto resistenza e ha subito l’imbarazzante situazione“, ha raccontato l’avvocato Stefano Tutino al Corriere del Veneto, spiegando che “sono state visionate le sue foto personali e anche i suoi profili social e non hanno trovato nulla, proprio perché non c’era nulla”. Secondo il legale, i due calciatori “rischiano di essere indagati per vari illeciti: minaccia ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni, avendo agito con violenza e violato la privacy del nostro assistito”. E l’avvocato ha riferito anche che lo stesso giovane sarebbe stato respinto all’ingresso dell’Hollywood il sabato successivo

Acquista ora

You may also like

Altri contenuti simili