contatori Calzona non fa miracoli: i numeri shock della difesa azzurra | Napoli Daily
Notizie

Calzona non fa miracoli: i numeri shock della difesa azzurra

Condividi l'articolo sui social

Di seguito quanto riportato da Il Mattino

Ci si aspettava un miglioramento deciso da chi aveva saputo gestire al meglio il pacchetto difensivo degli ultimi Napoli vincenti e convincenti. Invece proprio il suo tratto distintivo sta tradendo le aspettative. Il Napoli di Francesco Calzona è un colabrodo: per la seconda volta in stagione la squadra con l’ex vice di Sarri e Spalletti incassa tre gol – l’altra volta era arrivata a Barcellona in Champions League – e torna a casa con zero punti e zero soddisfazioni.

Il sabato santo contro l’Atalanta è stato passione e pentimento. Un dato, quello dei gol subiti, fa riflettere a lungo: con la gestione Calzona, infatti, gli azzurri hanno incassato ben 12 reti nelle 8 partite giocate tra Serie A e Champions (1,5 di media per partita), non riuscendo mai a tenere la porta di Meret immacolata. Numeri che fanno rabbrividire e che non sono sostenibili per chi aveva come obiettivo – almeno fino a ieri – la qualificazione in Champions League, ora naufragata sotto i colpi di Gasperini e dei suoi.

Ma è da inizio anno che la difesa napoletana fa acqua da tutte le parti: 36 le reti subite fin qui in campionato, la media è di 1,2 gol incassati per gara. A cui vanno aggiunti i 13 gol incassati in Champions League tra girone e ottavi di finale contro i catalani, i 4 della Coppa Italia in un’unica partita contro il Frosinone e la rete di Lautaro in finale di Supercoppa Italiana. In totale fanno 54 gol subiti fin qui, un numero quasi record, che record lo diventerà a breve proseguendo su questa strada.

Ai dati, si aggiungono le percezioni: anche contro l’Atalanta la coppia Rrahmani-Juan Jesus non ha convinto. Il kosovaro, in particolare, senza Koulibaly o Kim è sembrato essere lontano parente di quello visto nelle ultime stagioni. E gli altri? bsi è visto sempre meno, Natan è letteralmente scomparso con l’arrivo di Calzona in panchina. Un fattore a cui pensare il prossimo luglio, quando il mercato riaprirà

You may also like

Altri contenuti simili